I cookies utilizzati sul Sito hanno esclusivamente la finalità di eseguire autenticazioni informatiche o il monitoraggio di sessioni e la memorizzazione di informazioni tecniche specifiche riguardanti gli utenti che accedono ai server del Titolare del trattamento che gestisce il Sito. In tale ottica, alcune operazioni sul Sito non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in tali casi sono quindi tecnicamente necessari. A titolo esemplificativo, l'accesso ad eventuali aree riservate del Sito e le attività che possono essere ivi svolte sarebbero molto più complesse da svolgere e meno sicure senza la presenza di cookies che consentono di identificare l'utente e mantenerne l'identificazione nell'ambito della sessione
Notice: Undefined index: 9 in /home/usw8s6ue/domains/unibesa.it/public_html/templates/business/functions.php on line 39 About Justhost

 

 

 

La cucina di Contessa si basa sulla fusione di due tradizioni: quella siciliana e quella albanese, che si integrano e si completano in una varietà di produzioni.

Pupat me fiq

Pupat me fiq sono un tipico dolce natalizio. Per prepararli bisogna amalgamare farina e sugna, aggiungere poi dell’ammoniaca sciolta nel latte, durante la lavorazione aggiungere zucchero, essenza di vaniglia e latte fino a raggiungere un impasto piuttosto morbido. Quindi prendere l’impasto poco per volta e spianarlo sul palmo della mano fino a dargli una forma convessa, quindi riempire con una conserva di fichi, con zuccata, caffè macinato, zucchero, scaglie di cioccolato e buccia di mandarini tagliuzzata. Disporre quindi i pezzi su una teglia unta di olio. Infine infornare.

Mustracolle mjaljti

Dolce tipicamente natalizio. Fare sciogliere del miele sul fuoco, versare della farina su una spianatoia aggiungervi poi della sugna e amalgamare per bene. Versare, quindi, sull’impasto del miele sciolto e mescolare rapidamente con un cucchiaio di legno, si otterrà un impasto denso senza grumi. Prendere a poco a poco l’impasto, premerlo con le mani sulla spianatoia e tagliarlo con le formelle. Le forme così ottenute unte di sugna, vengono disposte ordinatamente su una teglia. Poco prima di infornarli si sparge su di esse dellle gocce d’acqua.

Pinjuljata

Questo dolce si consuma in occasione della festa di San Giuseppe; per la preparazione occorre disporre della farina su una spianatoia alla quale si mescola della sugna sino ad ottenere un impasto denso e non grumoso che viene lasciato a riposo per circa un’ora. Prendere l’impasto poco per volta con le mani arrotolarlo sino ad allungarlo e tagliarlo a pezzettini di circa 1 cm, quindi friggere in olio bollente.

Sfinxhat

Dolce tipico della festa di S. Giuseppe; per prepararlo amalgamare farina, lievito e acqua sino ad ottenere un impasto morbido che viene fatto lievitare. Quindi con un cucchiaio intriso d’olio prendere delle porzioni dell’impasto e friggerle in abbondante olio. Quando raggiungono una perfetta doratura disporre le “palline” ottenute su un vassoio e cospargerle di zucchero.

Frozhat me gjizë e nipitelle

Tipico dolce pasquale che si prepara amalgamando ricotta, pane grattugiato, uova e zucchero fino ad ottenere un impasto omogeneo, quindi disporlo su un contenitore e infornare per 20 minuti

Buka e Shën Sepit

Sono dei “pani” tipici della festa di San Giuseppe, preparati con un impasto di farina, lievito, acqua e uova. Viene data una forma di piccola ciambella all’impasto. Dopo la lievitazione i “pani”, tolti dal forno e vengono unti, con un pennello, con il tuorlo d’uovo sbattuto per dare loro lucentezza e profumo.

 

Bukiçelet e Shën Kollit

In occasione della Festa di San Nicola (6 Dicembre), la tradizione vuole che si consumano dei dolci che vengono preparati con acqua e farina (senza sale e senza lievito). L’impasto viene prelevato con le mani e le porzione si arrotonda sotto forma di “palline” nel cui centro si pratica un foro attraverso cui passa un filo che ne lega tre e soltanto tre. Si dispongono su una teglia e si infornano a temperatura moderata.

Kukullet

Farina, lievito, sugna e sale sono gli ingredienti per preparare questo dolce. Esso si prepara come se fosse pane, si stende la pasta su una spianatoia col mattarello e si taglia a pezzi di forma rettangolare, questi pezzi si punzecchiano con la forchetta prima di friggerli in olio bollente sino alla completa doratura. Tolti dall’olio, prima di essere consumati, si cospargono di zucchero o miele.

Dromësat

Piatto tradizionale contessioto. Dromësat si preparano nel periodo invernale con semola di grano duro, farina e finocchio selvatico bollito in acqua salata e vengono poi tagliuzzati finemente. Nell’acqua di cottura si versa prima dell’olio e poi, a pioggia, si aggiunge la semola mescolando continuamente con un cucchiaio di legno in modo di evitare la formazione di grumi. Ottenuta la densità desiderata, si toglie dal fuoco e si serve a tavola.

Visite agli articoli
241080